Once upon a time…

C’era una volta il New York Times, un giornale indipendente, che controllava tutte le notizie prima di pubblicarle, che sbugiardava corrotti, falsari e finti democratici. Una volta, perché l’articolo di cui vedete riportato il contenuto sulla prima pagina del Corriere italiano, che ormai è un’accozzaglia di servi stupidamente lecchini e completamente decerebrati, è l’emblema di quanto si possa divenire stupidi pur di servire il padrone. L’articolo del Corriere si riferisce a una “inchiesta” (tra virgolette perché una volta le inchieste erano roba seria), del NY Times Magazine, dal titolo “The untold story of Russiagate and the road to Ukraine“, comparsa sul settimanale della ex prestigiosa editrice americana la scorsa settimana. Bene, e che dice questa inchiesta? Che il Russiagate per le elezioni del 2016, aveva un lato rimasto nascosto che ora il NY Times porta alla luce con le sue sconvolgenti scoperte.

Once upon a time, è la tipica espressione inglese con la quale cominciano tutte le favole. E la favola in questione ipotizza che tra Trump e Putin, nella fattispecie nelle abituali vesti di “ha stato Putin!”, ci fosse un accordo in forza del quale Putin avrebbe aiutato Trump ad essere eletto facendo una campagna denigratoria sui media Usa tramite i propri hacker della candidata Hillary Clinton, e Trump in cambio non si sarebbe opposto all’invasione da parte di Putin dell’Ucraina. Accordo credibilissimo, tant’è vero che subito dopo l’elezione di Trump a presidente degli Usa, Putin ha invaso l’Ucraina, gli Usa non hanno detto niente, ed è iniziata la guerra del trent’anni. Dite che non è andata proprio così? Che c’è qualche piccolo errore di date e una qualche confusione tra gli eventi? Ah già, forse era la campagna di Druso per riprendere le insegne della diciottesima legione sbaragliata nella selva di Teutoburgo? O l’assedio di Vienna da parte del grande Solimano il Magnifico? Va beh, tanto agli americani che sanno di storia e geografia da quello che imparano davanti alla TV, ovvero nulla, va bene qualsiasi cosa. E pare che anche agli italiani vada bene lo stesso, poiché non ho letto infatti, di alcuno che abbia sonoramente menato ironici schiaffoni ai decerebrati cronisti del Corriere per la corbelleria che hanno pubblicato senza vergogna alcuna. Ma si può andare avanti così? Una atomica sola non basta, ce ne vogliono molte per sradicare questa feccia dalla faccia della terra. E se insieme alla feccia vanno via tutti, forse non è un danno per il pianeta. Qualche cosa Mamma Gea si inventerà al posto di simili umani…

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...