Incontro sulla Faz a Monfalcone

“UN’ALTRA MONETA. IL DENARO COME STRUMENTO E NON COME FINE per un’economia dal volto umano al servizio dei cittadini” – DOMENICO DE SIMONE, ospite del Meetup Monfalcone 5 Stelle Amici di Beppe Grillo. 8 aprile 2016, Caffè Vivaldi a Monfalcone

Annunci

3 pensieri su “Incontro sulla Faz a Monfalcone

  1. Luca C. ha detto:

    Spettabile Domenico, torno a ripetere per l’ennesima volta che la maggior parte dei tuoi libri io li ho letti (anche se sembra che tu non ci creda). Comunque sì, parlo di risparmio, perché in questa società con queste regole di funzionamento il risparmio è necessario. Senza aver “appizzato” un bel po’ di soldi accontentandomi di vivere molto modestamente oggi non sarei padrone neppure di un modesto bilocale, come invece sono.
    Il fatto è che tu sembri ritenere il risparmio immorale, e allora che te devo di’… non la pensiamo allo stesso modo. Nella società gilanica, con l’amore libero, i “figli dell’amore eterno” (cit. Verdone), l’abolizione del potere, e via dicendo, non esisterà più bisogno del risparmio. In questa società il risparmio è una mia personale necessità. Quando arriverà il mondo che aspetti tu, mi abbatterete, nella migliore tradizione rivoluzionaria.

  2. Luca C. ha detto:

    Insomma, l’Euro non si tocca, guai a farlo. Però sarebbe integrato da questa moneta a tasso negativo, che verrebbe erogata a titolo di reddito di cittadinanza. A questo punto però si determinerebbe una doppia circolazione monetaria: una “monetaglia” erogata a tutti per comprarsi pane e cipolla con cui sopravvivere (sbrigandosi, perché altrimenti finisci per ritrovarti senza un soldo in tasca) e una moneta “rara” e preziosa, che costituirebbe un “bene rifugio”, un po’ come l’oro.
    Resta da capire se la faccenda si chiude qui, oppure se a un certo punto si arriva a eliminare la seconda moneta, lasciando solo la prima a tasso negativo.
    Resta altresì da capire perché non si dovrebbe preferire invece un reddito di cittadinanza erogato con una moneta “buona”, che lascerebbe anche qualche margine al risparmio.

    • Domenico De Simone ha detto:

      Caro Luca, basta leggere un po’ di storia del bimetallismo per rispondere a questa tua domanda. Per la legge di Greesham la moneta cattiva scaccia sempre quella buona dal mercato. La moneta è un po’ come il Punto Omega, ce ne può stare una sola. Capisco che la cosa non ti piaccia, sia perché la consideri una moneta buona solo per far comprare pane e cipolla al popolino mentre i ricchi usano l’altra moneta, sia perché parli di risparmio. È chiaro che non hai letto i miei libri: ti invito a farlo, questo spazio non è adatto per spiegazioni lunghe e un po’ complesse come la natura del risparmio e la sua funzione. Parti dalla riflessione che sono esistite società senza risparmio per la semplice ragione che non serviva. E dalla considerazione che una moneta a tasso negativo sarebbe preferita dalle imprese perché potrebbero farci investimenti senza costi per la “unità di misura” (il denaro). Quindi non solo pane e cipolla ma ben altro. Ed infine, che il tasso negativo non ti squaglia il reddito così velocemente come dici, semplicemente non è vero con tassi fino al 12% annui (che già è un tasso estremamente elevato). Comunque, con un tasso così, un reddito di cittadinanza di mille euro al mese reintegra pienamente il reddito da lavoro fino a 100.000 euro. Mi pare che adesso di tasse si paghi decisamente di più, non ti pare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...