Zeitgeist e la Faz

Il film è un po’ lungo, dura due ore e quaranta minuti, ma si vede tutto di un fiato perché gli argomenti sono di estremo interesse e sono esposti con intelligenza e cura, e in certi momenti il film è persino commovente.

Sul piano dell’analisi non ho alcuna obiezione, sono concetti che conosciamo da tempo e che condividiamo, anche se è difficile farli capire alla gente, ma in questo periodo la speranza di una generale sollevazione contro il sistema finanziario è cresciuta. Che le risorse debbano essere gestite in modo intelligente (e per questo sostengo che sono illimitate) è lo scopo della FAZ.

Sul piano delle soluzioni, però ho molti dubbi. A parte che non mi piace la progettazione di città circolari (chi ha letto i miei libri conosce la ragione), non si dice in nessun modo come gestire la transizione da un sistema ad un altro. Sono convinto che un mondo senza denaro sia assolutamente auspicabile, ma per un po’ di tempo c’è bisogno di avere indicatori di scambio e il tasso negativo è lo strumento per la transizione, appunto.

Allo stesso modo, la gestione di una nuova società non può semplicemente essere affidata ai computer, almeno non in breve tempo, non fosse altro che per il fatto che i programmi devono essere scritti e approvati da tutti. Sono d’accordo sull’origine sociale dei comportamenti criminali, ma appunto, come si rileva nel film, c’è troppa gente al mondo che ha interiorizzato questi comportamenti e per liberarsene c’è bisogno di qualche generazione. La cosa che è solo accennata è che occorre generare strutture sociali che spingano verso comportamenti virtuosi, ma non si dice come. Questa è però la logica della Faz. Il reddito di cittadinanza è dato come presupposto, a quanto sembra, ma dirlo esplicitamente sarebbe stato meglio. Il rischio, se non si mettono i paletti, almeno nella fase di transizione, è che ti ritrovi in una società più dittatoriale di questa perché la gente non è educata a resistere alla violenza ed all’avidità. Ci sono società fatte da una maggioranza di persone meravigliose che sono ostaggio di uno sparuto gruppo di delinquenti, spesso nascosti dietro roboanti ideologie al governo o all’opposizione, che rendono la vita impossibile creando e gestendo continuamente l’emergenza.

Ma, a parte queste mancanze (che però non sono da poco), il film è bellissimo ed assolutamente condivisibile. E poi forse ha ragione Fresco: possiamo costruirla una Faz autosufficiente con poche decine di migliaia di persone, anche senza avere le notevoli risorse finanziarie che oggi sarebbero necessarie. Qualche anno fa provai a far partire un discorso sulla costruzion di centrali eoliche da utilizzare per dare energia e anche risorse ad una comunità. Adesso forse si potrebbe ripartire da lì, purché però, sia chiaro che si va a costruire una comunità essenzialmente anarchica. Questo spirito di anarchia che aleggia durante tutto il film è la cosa che mi è piaciuta di più… 🙂

 

Annunci

2 pensieri su “Zeitgeist e la Faz

  1. Manuel ha detto:

    Da vedere anche questoma il film che ha suscitato interesse a livello internazionale è ZEITGEST – The Movie – e non quello del link quì sopra ZEITGEST – Moving forward

  2. Renato ha detto:

    Al giovanotto filo cattolico mi pare giusto riconoscere la veridicità della sua conclusione che diifida dal credere ai tanti bla, bla…. tra i quali il suo!
    Non c’è individuo tanto stolto da non possedere organi di senso sufficientemente capaci di percepire ciò che accade ogni giorno, nelle nostre realtà sempre più in picchiata nell’impoverire i tanti pecoroni, onesti sottomessi lavoratori, schiavizzati dal sistema del debito e dal sistema con esso istituzionalizzato nell’interesse delle caste appollaiate nei gangli del sistema di potere.
    Il giovanotto evidenzia uno dei tanti disperati e vuoti tentativi di dimostrare come mantenere privilegi e posizioni di potere immeritate, soprattutto quando sostenute da comodi sostegni economici predati alle folle irretite da sistemi che, nelle religioni istituzionali, hanno sempre avuto gli appoggi più vergognosi e opportunistici.
    Il film dovrebbe essere proiettato su tutte le tv mondiali per consentire all’intelligenza degli individui d’essere alimentata con argomentazioni sulle quali valutare la verità delle proprie esistenze.
    Su provocazioni di questo spessore andrebbe costruito il dibattito, per agire in tempi brevi, facendo tacere le faziosità dei tanti inutili bugiardi incompetenti e demagoghi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...