La Tobin Tax

Pare che alla UE, dopo anni di abbrutimento, abbiano avuto finalmente un’idea intelligente. Ci hanno mezzo quarant’anni per arrivarci, ma meglio tardi che mai. L’idea di istituire una imposta sulle transazioni finanziarie è appunto di James Tobin e risale agli anni settanta. Questo è ciò che scrivevo sulla Tobin Tax nel mio libro Un Milione al mese a tutti: Subito! che è del 1999. 

“Di estremo interesse è, invece, la proposta di un’imposta sulle attività finanziarie proposta circa vent’anni fa dal premio Nobel per l’economia James Tobin, che faceva propria una vecchia idea di Keynes.

La proposta di Tobin si riferiva in particolare alle attività di cambio che, già alla sua epoca, erano diventate di grandi dimensioni, ma il dibattito che ne è seguito, ha visto pian piano estendere la proposta di applicazione dell’imposta Tobin a molte altre attività finanziarie1.

L’idea di fondo della Tobin tax è quella di ridurre i movimenti speculativi sui capitali, per mezzo di un’imposta variabile tra 5 e 25 punti base da applicare su ogni operazione di cambio tra le valute. Un punto base corrisponde allo 0,01% del capitale considerato e, quindi, l’imposta oscillerebbe tra lo 0,05% e lo 0,25% su ciascuna operazione.

E’ evidente che una simile imposta renderebbe antieconomiche ripetute operazioni pronti contro termine sullo stesso capitale, e pertanto, pure in un regime di cambi fluttuanti, quale quello determinato nel 1971 dopo l’abrogazione degli accordi di Bretton Woods, l’effetto sarebbe quello di una relativa stabilità dei cambi tra le valute e di un freno alla speculazione finanziaria2.

L’imposta Tobin, avrebbe il duplice effetto di ridurre la quantità di operazioni sulle valute e quello di fornire un gettito estremamente interessante, dato il volume di transazioni che quotidianamente avvengono sulle valute.

Secondo la Banca dei regolamenti internazionali, infatti, nel 1995 il volume delle contrattazioni quotidiane sulle valute assommava a 1.300 miliardi di dollari, inclusi i contratti derivati, pari a 312.000 miliardi di dollari sull’anno lavorativo di 240 giorni3.

L’originaria proposta di Tobin prevedeva l’introduzione dell’imposta a livello internazionale, nell’ambito di un nuovo accordo sulla regolamentazione delle valute, dopo Bretton Woods. Il rischio, infatti, è che, se applicata da parte solo di alcuni paesi, l’imposta potrebbe essere facilmente elusa per mezzo di operazioni con contratti derivati.

R. Dornbusch4 sostiene che “non vi è motivo di tassare unicamente le operazioni di cambi esteri. Poiché ogni forma di instabilità del mercato delle attività suggerisce la presenza di speculazioni a breve, in tutti i mercati finanziari, la risposta dovrebbe essere un’imposta sugli affari finanziari su scala mondiale. Un’imposta siffatta, di ammontare contenuto, adottata universalmente su tutte le transazioni finanziarie, forzerebbe i mercati delle attività ad avere una visione di lungo periodo nella determinazione dei prezzi delle stesse5. Come risultato, si otterrebbe una speculazione più stabilizzante. I motivi a favore di una simile imposta sono divenuti sempre più evidenti dopo la crisi del 1987“.

Aggiungiamo che i motivi a favore di un’imposta del genere, sono divenuti evidentissimi ed impellenti dopo la crisi finanziaria del 1997, che ha travolto le economie del sud est asiatico.

La medesima raccomandazione di un’imposta generale sulle operazioni finanziarie, fu suggerita dalla Commissione indipendente sulla popolazione e la qualità della vita6, che calcolava in 150 miliardi di dollari (ovvero circa 270.000 miliardi) i presumibili proventi di un’imposta di un punto base, ovvero dello 0,01%.

P. B. Spahn sostiene che l’imposta “potrebbe anche venire introdotta sugli scambi di derivati a metà dell’aliquota standard, o a un punto base. Ciò permetterebbe ai mercati dei derivati di continuare a funzionare a basso costo, impedendo allo stesso tempo l’utilizzo dei derivati per evadere le imposte“7.

Il governo americano ha proposto a più riprese (Bush nel 1991, Clinton nel 1998), l’introduzione di una commissione da 11 a 15 cents sulle operazioni futures, ma il Congresso, dove le lobbies finanziarie sono particolarmente forti, ha sempre respinto le proposte.

Altra imposta proposta negli USA durante la discussione del bilancio del 1990, fu la STET, ovvero un’accisa generale dello 0,5% su tutte le operazioni finanziarie (azioni, obbligazioni, certificati di credito, interessi societari, contratti di opzioni e futures) ad eccezione dei titoli di Stato, ma anche quest’ipotesi fu accantonata.

I proventi dell’imposta potrebbero essere utilizzati, secondo Tobin, per aiuti internazionali ai paesi terzi. Il Programma per lo sviluppo dell’ONU ha calcolato che l’eliminazione delle peggiori forme di povertà nel mondo, con la fornitura di energia, acqua e fognature ai più bisognosi, costerebbe tra i 30 e i 40 miliardi di dollari all’anno, ovvero un terzo circa dei proventi di un’imposta Tobin dello 0,05% sulle transazioni in valuta estera.

L’imposta Tobin è evidentemente progressiva, dato che le persone con basso reddito non sarebbero minimamente coinvolte nel suo pagamento. Rispetto ai mercati finanziari, un’imposta generale sulle transazioni finanziarie, ha l’effetto di ridurre la velocità di circolazione della moneta abbassando il tasso di inflazione.

Il dibattito che si è svolto sull’imposta Tobin nella (preoccupata) indifferenza delle istituzioni politiche e finanziarie, ci consente alcune riflessioni.

Anzitutto che un’imposta generale sulle transazioni finanziarie è possibile – poiché, infatti, non genererebbe alcuna perturbazione significativa sui mercati finanziari e darebbe un gettito rilevantissimo – ed auspicabile, poiché potrebbe limitare la velocità di circolazione della moneta.

La seconda è che, per essere efficace, la Tobin deve essere applicata su tutte le transazioni finanziarie, altrimenti potrebbe essere facilmente elusa. Oltretutto, l’istituzione dell’Euro, può avere come effetto una notevole riduzione delle transazioni di cambio sulle valute, dato che quelle europee ormai, hanno rapporti invariabili tra di loro.

1 Sulla Tobin tax vedi l’eccellente lavoro di Alex. C. Michalos, Un’imposta giusta: la Tobin tax, op. cit., nel quale si trova una panoramica completa delle posizioni assunte da economisti e operatori finanziari sull’imposta.

2 Cfr. nota 57.

3 Interessante notare che, in pratica, tutte le operazioni di cambio del mondo vengono trattate da diciotto paesi, tra i quali la Gran Bretagna pesa per il 30%, gli USA per il 16%, il Giappone per il 10 e l’Italia per l’%. D. Felix, calcola che, escludendo i contratti derivati, il volume netto delle contrattazioni comprendeva il 43% di operazioni a pronti (cioè operazioni saldate in meno di tre giorni), l’8% di operazioni a termine secco (ovvero saldate in tre o più giorni) e il 49% di operazioni pronti contro termine (rappresentate cioè da cambi di una valuta in un’altra, definiti in un dato giorno, abbinati a una operazione di cambio inverso nel giorno successivo). di Alex. C. Michalos, Un’imposta giusta: la Tobin tax, op. cit. pag. 42.

4 R. Dornbusch, Exchange rate economics, in Current Issues in International Monetary Economics, a cura di D. Llewellyn – C. Miller, Macmillan, London, 1990, ibidem , pag. 47

5 Ovvero a finanziare attività economiche e ridurre la componente puramente speculativa dei propri interventi.

6 Indipendent Commission on Population and Quality of Life, Caring for the future, Oxford University Press, N.Y. 1996. Ibidem pag. 49.

7 P.B. Spahn, International Financial Flows and Transaction taxes: Survey and Options, in IMF Working Paper n° 60, Washington (D.C.) 1995, Ibidem pag. 49.

Annunci

2 pensieri su “La Tobin Tax

  1. ermanno ha detto:

    Ho letto scaricandolo da internet un milione al mese a tutti subito, del 1999,nel capitolo IV Keynesismo,pil e debito pubblico,hai descritto che l’assunto il vero senso della sua teoria è tutta lì…..creare denaro a defict.Avendo in questi mesi letto e approffondito le teorie del MMT di Mosler e Barnard in italia che seguono alla lettera le teorie di Keynes ,cosa ne pensi?Ti seguo con molta attenzione da poco tempo ma mi stai dando una cultura in materia economica ,creditizia ,bancaria che non conoscevo, sono anche un tuo convinto sostenitore delle FAZ e reddito di Esistenza, di una moneta complementare,ritengo in guesta crisi di scarsità sia l’unico strumento valido a breve termine e a livello locale.Sono anche uno di quei matti che tu auspicavi in un recente articolo riferendosi ai 10.000 campanili o comuni, sto cercando di convincere una lista civica che partecipa alle elezioni comunali ,a mettere nel loro programma nella patrimoniale o in un asessorato la costruzione di una FAZ per una moneta complementare e Reddito di Esistenza , stiamo anche valutando il coinvolgimento di almeno 10 comuni con minimo 5.000 abitanti ,per costruire una FAZ consistente in un comprensorio montano del frignano modenese.
    Con molta stima
    un caro saluto
    ErmannoRicci

    • Domenico De Simone ha detto:

      Caro Ermanno, ho molte perplessità sulla MMT perché, anche se l’analisi del problema è condivisibile, la soluzione che propone non tiene conto dei problemi che comporta l’economia del debito. Non è vero che il debito può crescere indefinitamente, poiché esso comporta per sua natura la corresponsione di interessi e questi sono lo strumento essenziale per determinare una distribuzione ineguale del reddito.Il altri termini, gli interessi generano rendita finanziaria, ed è esattamente questo il problema da risolvere, mentre la MMT di fatto lo elude e anzi non lo considera affatto un problema. Inoltre, l’obiettivo della “piena occupazione” è sempre più un’illusione, in un’era in cui il lavoro, come viene comunemente inteso, tende rapidamente a scomparire. Ritengo che questo non sia un problema in una società con il RdC che è uno strumento che libera la creatività e lo spirito di iniziativa, oltre ad essere un potente strumento di redistribuzione della ricchezza. Da questo punto di vista, la MMT propugna egualmente la necessità di redistribuire la ricchezza, ma attraverso uno strumento che è esattamente l’opposto di quello che è necessario, un interventismo dello Stato che offre reddito in cambio di lavoro (che da questo punto di vista non sarebbe diverso dai lavori forzati) e che porterebbe ad una società chiusa ed eterodiretta e non ad una società aperta, autopoietica e libera. Solo la libertà può garantire la crescita che non è un obiettivo solo sociale ma soprattutto individuale. La crescita della libertà di ciascuno si risolve nella crescita della libertà di tutti: è falso che la libertà di ciascuno incontra il limite della libertà degli altri, è vero esattamente il contrario.
      Stiamo costituendo un centro studi per lo studio e l’applicazione degli strumenti necessari per realizzare l’economia dell’abbondanza, che nella realtà concreta è costruire una faz. Poi, possiamo chiamarla in tanti modi, ma la sostanza è quella. Siamo a disposizione di chi voglia avviare una sperimentazione. Ne abbiamo bisogno ora, è lo strumento che ci può consentire di partire nel giro di qualche mese e dare un concreto alle famiglie e alle imprese. Servono impegno e qualche mezzo economico che consenta di realizzare un progetto adeguato al territorio e che funzioni in modo adeguato. Un bacino di 5.000 persone sarebbe sufficiente per partire purché ve ne siano le condizioni. Sono convinto che in breve tempo, la “cosa” può estendersi in modo virale ad altre realtà, non solo contigue territorialmente e portare rapidamente ad una ripresa economica nell’area interessata. Occorre fare presto, però, prima che la situazione precipiti definitivamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...