Toh, gli americani pensano al tasso negativo… Ma va?

Gregory (Greg) Mankiw, professore di Economia ad Harward e già consulente economico dell’ex Presidente Bush, con un articolo sul New York Times propone l’introduzione di una moneta a tasso negativo come la via per uscire dalla crisi della domanda.

Negli USA, nonostante le massicce iniezioni di capitale nelle Banche, la domanda di prestiti non riparte e la domanda di beni è in continua discesa. Insomma, come era immaginabile, la crisi da finanziaria si sta trasferendo con effetti pesantissimi nell’economia reale. Per la verità non era solo immaginabile ma era previsto che accadesse, e tanti anni fa scrissi che la crisi del debito non si sarebbe potuta risolvere che con l’introduzione del tasso negativo.

Ed ora eccoci qui a discutere di questo argomento con uno che non è certo l’ultimo arrivato nel gotha dell’economia nel mondo, ed è con ogni probabilità ancora molto influente anche nel governo di Obama, nel quale i consiglieri economici sono praticamente gli stessi di quello precedente.

Greg Mankiw fa esplicito riferimento alle teorie di Gesell: per me che ne parlo da dieci anni, se permettete è una bella soddisfazione. Ma anche un pizzico di amarezza perché se qualcuno avesse preso sul serio questa ipotesi prima dell’esplosione della crisi finanziaria adesso non staremmo a questo punto. Ma occorreva pensare all’economia come una disciplina per tutelare gli interessi e la vita della gente e non gli interessi e la vita del capitale finanziario.

Naturalmente Mankiw si muove in una logica di potere, ed anche questo l’avevo previsto: il tasso negativo, senza un criterio di distribuzione equo come il Reddito di Cittadinanza e senza una funzionalità fuori dal contesto di potere, che comporta l’emissione di moneta sugli investimenti ed una durata non a breve delle emissioni monetarie, può diventare un problema. Certo, in ogni caso la macchina si rimetterebbe in moto certi effetti perversi della creazione monetaria sarebbero, almeno per alcuni aspetti, depotenziati.
Per capirne qualcosa di più, perché questa è una questione che riguarda tutti noi, vi invito a leggere Un’altra moneta e gli articoli correlati a questo libro.

Fa una strana impressione vedere un articolo sul NYT che comincia così: “Let’s start with the basics: What is the best way for an economy to escape a recession?” per poi leggere che si parla di tasso negativo.

Questo è il link all’articolo tradotto in italiano  (Originale in inglese)

E se permettete fa ancora più impressione che l’articolo finisca con questa conclusione:

The idea of negative interest rates may strike some people as absurd, the concoction of some impractical theorist. Perhaps it is. But remember this: Early mathematicians thought that the idea of negative numbers was absurd. Today, these numbers are commonplace. Even children can be taught that some problems (such as 2x + 6 = 0) have no solution unless you are ready to invoke negative numbers.

Maybe some economic problems require the same trick.

Già quella equazione non ha soluzione se non inserisci un concetto nuovo. E’ un primo, piccolo e timido passo, ma è stato fatto e che l’abbia fatto Mankiw significa che ci stanno pensando seriamente. Sta a noi fare in modo che il tasso negativo si realizzi in una forma che tuteli la gente e che anni di sofferenze ci vengano risparmiati: prima che i signori economisti riusciranno a venire a capo di tutto il puzzle che si innesca introducendo il tasso negativo, occorrerà parecchio tempo. Possiamo e dobbiamo fare prima di loro.

Ho aperto su facebook il sito della FAZ da poche ore. Vorrei cominciare a costruirla in qualche mese. Forza, rimbocchiamoci le maniche, è arrivato il momento di agire.

Annunci

6 pensieri su “Toh, gli americani pensano al tasso negativo… Ma va?

    • dds ha detto:

      Detto da uno con la mente azzoppata dalla stupidità potrebbe essere un complimento. Comunque ho appena scritto un commento articolato alle sciocchezze esternate dal Murphy che farebbe bene a dedicarsi, certamente con maggior successo, all’applicazione delle leggi che portano il suo nome in altri campi. In economia, meglio di no, per favore.

  1. Luca ha detto:

    Moneta a tasso negativo? Reddito di cittadinanza?
    Bastaaaa!
    Vogliamo una moneta sana con un valore reale dietro. Buy gold! Povero Mises…

    • dds ha detto:

      Finalmente un’idea concreta e solida. Così brillante che m’è venuta un’illuminazione: propongo proprio l’introduzione del “Solidus” di Diocleziano e pure il ripristino della legge sulla servitù della gleba di Teodosio per avere un’economia sana e con un “valore” “dietro”. Il “dietro” è quello della gente che, abituata a prendere di tutto “dietro”, non avrà difficoltà ad accogliere anche certi “valori”.

      Complimenti vivissimi, Lei sì che ha le idee chiare!

  2. michele ha detto:

    Ciao Domenico,
    direi ottimo! Credo molto nell’idea della FAZ, secondo me è l’unico modo per cambiare veramente le cose. E’ molto più efficace costruire un’alternativa piuttosto che combattere una realtà sbagliata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...